Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/www/www.workup.it/www/site-functions.php on line 45 5 cose da non fare su Twitter (e come rimediare se le fai) | Workup

5 cose da non fare su Twitter (e come rimediare se le fai)

17.11.2016

Twitter, la piattaforma social con il più alto utilizzo di brand mentions, ha trasformato il modo in cui il marketing comunica con il suo target di pubblico.

Nonostante questo, molti reparti marketing di aziende B2B (soprattutto in Italia) sembrano ancora non sfruttare appieno questo canale per i loro obiettivi commerciali e di branding e ciò avviene perché, effettivamente, Twitter in Italia è sempre stato un social molto presidiato ma mai veramente compreso.

Stiamo parlando di un social che ha beneficiato del boom informativo dei canali di informazione di massa, basti pensare alla diretta live di alcuni grandi eventi di politica internazionale (Primavere Arabe nel 2011 o alla guerra ucraina). Se da un lato quindi il mondo dell’informazione può beneficiare di una presenza “privilegiata” su Twitter, dall'altro vediamo come il mondo aziendale italiano stenti ancora a collocarsi al meglio su questo social.

Ciò che intendiamo sottolineare è che Twitter non è un social "generalista" come può esserlo Facebook e occorre quindi capire “quando” essere su Twitter, e che non basta solo “essere” su Twitter. Questo social è infatti legato al mondo dell’informazione, del trending topic, delle breaking news e del real time, tutti ambiti in cui il "quando" ricopre un ruolo cardine.

Inoltre, il pubblico di Twitter è davvero “selected” diversamente dal pubblico di Facebook (sarebbe troppo lungo parlare delle interazioni tra Facebook e la psicologia sociale, ci riferiamo all’esempio del “leone da tastiera”).

Detto questo, Twitter è un social che ha sicuramente dei limiti, ma conserva ancora moltissime potenzialità per i brand, soprattutto del mondo B2B.

Vediamo ora una piccola lista di best practice per l'utilizzo efficace di questo canale.

5 cose da non fare su Twitter (e come rimediare se le fai):

1. Non riciclare tweet

A volte si è tentati di riutilizzare i tweet già pubblicati, ma occorre evitarlo. Lo scopo di Twitter è quello di offrire aggiornamenti unici, intuizioni, nuove prospettive per stimolare conversazioni con il pubblico. Con dei tweet duplicati ciò non sarebbe possibile.
Come rimediare invece: prendi spunto dai tweet con maggior successo per crearne di nuovi con “storie” o contenuti correlati.

2. Non fare errori di ortografia

È importante prestare attenzione a grammatica e ortografia. Solo perché Twitter ha un limite di caratteri non significa che le persone siano più indulgenti sull’utilizzo della lingua italiana.
Come rimediare invece: utilizza uno strumento di gestione dei social media come HootSuite permette anche di capire quanto e come accorciare i messaggi, evitandoci di dover ricorrere ad “azzardate” sperimentazioni del linguaggio.

3. Non pubblicare gli stessi contenuti ovunque: 

Twitter è un diverso tipo di piattaforma. Non serve a nulla fornire le stesse informazioni di altri canali di social media come Facebook e LinkedIn. Non fare l'errore di auto-pubblicare gli stessi aggiornamenti su tutti i canali social.
Come rimediare invece: il ciclo di vita dei Tweets è molto breve. Facebook e LinkedIn sono molto più dettagliati. Utilizza Twitter per condividere contenuti real-time usando i trending topic!

4. Non usare eccessivamente gli hashtag

Utilizzare hashtag su Twitter può aiutare a spingere un contenuto ed un account. Infatti, i tweet con hashtag acquisiscono in media un’esposizione doppia o tripla rispetto a tweets che ne sono privi. Tuttavia, un uso eccessivo può essere “schiacciante” e può impattare la leggibilità del messaggio stesso. A dimostrazione di ciò riportiamo questo dato: Tweets che utilizzano più di due hashtag in realtà mostrano un calo del 17% nell’engagement.
Come rimediare invece: espandi il reach su Twitter utilizzando 1-2 hashtags. Assicurarsi che essi siano pertinenti a ciò che si condivide e che siano calibrati per il proprio brand. In questo modo, è possibile raggiungere un pubblico prezioso con interessi simili.

5. Non scomparire

Cerca di non scomparire altrimenti i tuoi seguaci si “disaffezioneranno”. È comunque importante rimanere attivi con tweet, retweet, e “mi piace”.
Come riediare invece: pianifica tutta la comunicazione base su Twitter attraverso una strategia e con l'utilizzo di strumenti di Social Media Management!

News correlate
Top